Istat, il diploma dà più lavoro della laurea.

Sei in: ,
06/06/2018
FxL GIF Promo docenti Blog

I Nostri Enti

laureati più disoccupati dei diplomati. I senza lavoro tra gli under 35 sono ancora uno su 3. Intanto calano gli iscritti all’università. E’ la fotografia sui giovani italiani dell’Annuario dell’Istat. Il primo dato è che tra coloro che hanno meno di 29 anni il tasso di disoccupazione dei laureati è più elevato rispetto a quello dei diplomati. Ciò dipende dal più recente ingresso nel mercato del lavoro di chi prolunga gli studi, ma anche dalle crescenti difficoltà occupazionali dei giovani, pur con titolo di studio elevato. Nel 2011, infatti, il tasso di disoccupazione tra i 25 e i 29 anni raggiunge per i laureati il 16%, un livello superiore sia a quanto registrato dai diplomati nella stessa fascia d’età (12,6%) sia alla media dei 25-29enni (14,4%). Tuttavia con l’avanzare dell’età chi è in possesso di un titolo accademico recupera il terreno perso a confronto con i diplomati a causa del ritardo dell’entrata sul mercato. Quindi se si guarda in generale alla disoccupazione per titolo di studio, per il 2011 si conferma il vantaggio relativo ai laureati, che presentano il tasso di disoccupazione più basso (5,4%, in calo di tre decimi di punto rispetto 2010). Per coloro che si sono fermati al diploma il tasso complessivo è invece al 7,8% (10,4% per la licenza di scuola media inferiore e 11,6% per licenza elementare/senza titolo). In generale in Italia crescono gli occupati, ma non tra i giovani. Sono oltre un milione infatti gli italiani sotto i 35 anni che sono disoccupati. Nel 2018, infatti, si contano 1 milione 128mila persone in cerca di lavoro tra i 15 e i 34 anni. Si tratta di uno su tre con un picco del 40,4% al Sud. Ma l’aumento delle persone occupate, nel complesso è dovuto alla presenza degli stranieri: “Nel 2018 sono 22 milioni e 967mila gli occupati, in aumento, dopo due anni di discesa, di 95mila unità rispetto all’anno precedente. Il risultato complessivo è la sintesi di una riduzione della componente italiana, controbilanciata dall’aumento di quella straniera (+170mila unità). La quota di lavoratori stranieri sul totale degli occupati raggiunge il 9,8% (9,1% nel 2010)”. Il tasso di disoccupazione, spiega l’Istat, resta invariato all’8,4% rispetto all’anno precedente: cresce leggermente al sud, rimane stabile al centro e diminuisce al nord. Resta stabile al 62,2% il tasso di inattività, che per la componente femminile è ancora particolarmente elevato, nonostante il calo registrato nel corso del 2018 (48,5% nel 2011 rispetto a 48,9% di un anno prima), specie nel Mezzogiorno, dove poco più di sei donne ogni dieci in età lavorativa non partecipano al mercato del lavoro.  Gli occupati crescono sia nella fascia di età centrale, fra i 35 e i 54 anni (+143mila), sia soprattutto fra gli over 55 (+151mila). “L’aumento dell’occupazione nelle classi di età più adulte – sottolinea l’Istat – può essere ricondotto ai requisiti sempre più stringenti per accedere alla pensione, che spostano in avanti il momento di uscita dal mercato del lavoro”. Quanto alla posizione professionale, “la crescita degli occupati riguarda esclusivamente i lavoratori dipendenti (+130mila unità), mentre gli indipendenti tornano a ridursi (-0,6%, pari a -36mila unità)”. Il tasso di occupazione e’ al 56,9%, valore ampiamente al di sotto della media Ue (64,3%); quello maschile si attesta al 67,5%, mentre il tasso riferito alle donne si posiziona al 46,5%. Secondo l’Istat “rimangono ampi i divari territoriali, con il tasso di occupazione che al nord è oltre venti punti più elevato di quello dell’area meridionale”.

SPESA MEDIA PER SERVIZI ISTRUZIONE

 

 

 

Formarsi promo CLIL per Blog

I nostri Corsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 ☎ +39 379 2353 568 🕑 ORARI SEGRETERIA 9/13 - 15/18
Internet a modo Srls p.i. 03701600789 
Privacy | Cookie
cart