Scuola, il ministro mette acqua sul fuoco delle polemiche

Sei in:
21/07/2020
offerta eipass 7 moduli

I Nostri Enti

Il ministro Azzolina torna a parlare della scuola dell'infanzia e rilancia la controversa proposta di aprire l'insegnamento ai non laureati per le scuole primarie. Il dibattito è infuocato perché rischia di mandare al macero anni e anni di specializzazione per chi ha studiato molto per rapportarsi al mondo dell'infanzia.

 

«La scuola dell'infanzia è un segmento della scuola per cui noi abbiamo la massima attenzione, perché i bambini sono quelli che hanno sofferto di più durante il lockdown e non abbiamo parlato di distanziamento nella scuola d'infanzia nelle linee guida perché non può esserci». Così il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina a margine della visita all'istituto comprensivo Riccardo Massa di Milano.

«Per questo lì daremo più organico per quanto riguarda il personale – ha aggiunto la ministra –. Noi ce la facciamo a riaprire a settembre, non servono solo gli allarmismi ma le proposte, lavorare a testa bassa con molta umiltà e portare risultati a casa. Anche le scuole dell'infanzia riapriranno a settembre e restituiremo la socialità ai bambini».

 

La Azzolina è tornata, poi, a ribadire che dovranno essere le famiglie a controllare lo stato febbrile degli studenti prima che escano di casa.

«Tutte le famiglie hanno un termometro – ha detto la ministra –. Noi contiamo sulla responsabilità a casa. Se un bambino è già malato a casa e ha la febbre non abbiamo bisogno di mandarlo sull'autobus. Quindi la misurazione va fatta a casa, poi ogni scuola nella sua autonomia può organizzarsi come crede» ha detto.

E per chi il termometro non se lo potesse permettere? «Abbiamo dato soldi alle scuole a sufficienza per fare anche questo laddove fosse necessario – aggiunge –. Però credo che un termometro a casa ce l'abbiano quasi tutti se non tutti».

La ministra, inoltre, ha ribadito la necessità di far lavorare i non laureati nel mondo della scuola.

«Credo che questo Paese – ha spiegato – debba assolutamente dare la possibilità ai giovani non ancora laureati di lavorare, se vanno all'estro ci lamentiamo, se restano a casa ci lamentiamo. Questi giovani lavoravano già, la Lombardia è una delle Regioni che ha più supplenze per la scuola dell'infanzia e la scuola primaria. Non è una novità, noi lo abbiamo semplicemente messo all'interno di graduatorie».

 

«Questo – ha sottolineato Azzolina – faciliterà le segreterie che non dovranno più avere a che fare con le Mad, (dichiarazione di Messa a disposizione), ad impazzire dietro le Mad e daremo da lavorare a persone che hanno scelto di fare l'insegnante, che hanno fatto un percorso che era a numero chiuso. Persone preparate con passione e amore per la scuola. È un passo in avanti» ha concluso.

 

Puoi vedere anche:

Scuola, riapertura a settembre? I sindacati non ci credono;

Nuove graduatorie la Corte dei Conti ha detto sì.

I nostri Corsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 ☎ +39 379 2353 568 🕑 ORARI SEGRETERIA 9/13 - 15/18
Internet a modo Srls p.i. 03701600789 
Privacy | Cookie
cart